domingo, 28 de febrero de 2010

Folkabbestia - Tammurriata a mare nero


Il mare di stanotte ci mette mal di cuore,
il cielo di stanotte ti mette da tremare.
Il mare di stanotte promette male,
il cielo di stanotte minaccia male.

Maria dei Bizantini rinforza queste mani.
Maria dei Saraceni benedici questi remi.
Maria, Maria del Cielo, rinforza queste vele.
Maria, Maria dei santi, benedici i naviganti.

Sola, sola, Annarò nun se consola,
spusò nu militare, nun se sa si sta a turnare.
Sola, sola, Margherì nun se cunsola,
spusò nnu marenare, notte e ddì sta 'nnanze o' mare.

Se venisse la tremmura, chille o' fridde e nno 'a paura.
Se venisse o' male ao core, che sia 'a ffreve e nno 'a jattura.
Ma ce vvene o frridde assaje, cuss mare e porta uaje.
Ma ce vvene a freve forte cuss mare porta 'a morte.
Sola, sola, Annarò nun se consola,
spusò nnu marenare, notte e ddì sta 'nnanze o' mare.
Se venisse a tremmura, chille o'fridd e nnò a paura.
Se venisse mal di cuore, che sia febbre e non malora.
Tammuriata d'acqua e sale, allontana il fortunale.
Tammuriata a mare nero, allontana il mal di cuore.
Sola, sola, Annarò nun se consola,
spusò nnu militare, nun se sa si sta a turnare.
Sola, sola, Margherì nun se cunsola,
spusò nnu marenare, notte e ddì sta 'nnanze o' mare.
Sola, sola, Annarò nun se consola,
spusò nnu marenare, notte e ddì sta 'nnanze o' mare.

2 comentarios:

Teseo 01 marzo, 2010  

Y luego criticas el Rap...

Pablo 01 marzo, 2010  

EVIDENTEMENTE

Últimos programas del podcast

Archivo

Se admite el debate

Blogorrollo